Cassazione: licenziabile il lavoratore che fa ostruzionismo

Lug 8, 2024 | News

fonte articolo: www.zhrexpert.it

L’ordinanza della Cassazione n. 18296 del 2024 stabilisce un precedente significativo in merito alla comprensione e all’applicazione del concetto di insubordinazione nel diritto del lavoro. La decisione affronta il caso di un dipendente di una società partecipata, attiva nel settore dell’igiene urbana, che è stato licenziato per comportamento ostruzionistico.

Il lavoratore in questione si era rifiutato di svolgere la prestazione richiesta, causando così un danno significativo alla società datrice di lavoro. La Corte d’Appello, nel rigettare la domanda del lavoratore, ha considerato che la condotta contestata andava oltre la mera insubordinazione, configurando un grave e consapevole inadempimento dei doveri contrattuali, che aveva leso irrimediabilmente il vincolo fiduciario tra le parti.

La Cassazione ha confermato questa visione, ampliando la nozione di insubordinazione. Secondo la Suprema Corte, insubordinazione non si limita al semplice rifiuto di eseguire le disposizioni dei superiori, ma include qualsiasi comportamento che possa pregiudicare l’esecuzione corretta e il buon funzionamento delle disposizioni aziendali. Questo è un punto cruciale: il comportamento ostruzionistico, che può essere sia commissivo che omissivo, deve essere considerato una violazione più grave rispetto alla semplice disobbedienza.

Vincolo fiduciario: La decisione pone un accento significativo sull’importanza del vincolo fiduciario tra datore di lavoro e dipendente. Questo vincolo è fondamentale per il corretto funzionamento di qualsiasi organizzazione e la sua lesione giustifica, secondo la Cassazione, misure estreme come il licenziamento.

Comportamento ostruzionistico: L’ordinanza chiarisce che il comportamento ostruzionistico va oltre il semplice rifiuto di eseguire un compito. Si tratta di un atteggiamento complesso e articolato che può includere azioni attive e passive, finalizzate a ostacolare il corretto svolgimento delle attività aziendali. Questo tipo di condotta è visto come particolarmente dannoso poiché mina non solo l’autorità dei superiori, ma anche l’efficienza operativa dell’intera organizzazione.

Precedente giurisprudenziale: La decisione crea un importante precedente giurisprudenziale, rafforzando il potere dei datori di lavoro di prendere misure drastiche contro i dipendenti che adottano comportamenti ostruzionistici. Questo può avere implicazioni significative per la gestione delle risorse umane e per la disciplina aziendale, stabilendo criteri più rigidi per valutare la condotta dei lavoratori.

Implicazioni pratiche: Per le aziende, questa ordinanza può rappresentare uno strumento per mantenere un ambiente di lavoro disciplinato e produttivo. Tuttavia, è essenziale che i datori di lavoro documentino accuratamente qualsiasi comportamento ostruzionistico e seguano procedure disciplinari corrette per evitare contestazioni legali.

Tutela del lavoratore: È importante anche considerare il punto di vista del lavoratore. La nozione ampliata di insubordinazione potrebbe, in alcuni casi, essere utilizzata in modo eccessivo da parte dei datori di lavoro. Pertanto, è cruciale che ci siano meccanismi di controllo e bilanciamento per assicurare che le decisioni di licenziamento siano giustificate e proporzionate.

L’ordinanza della Cassazione n. 18296 del 04.07.2024 rappresenta un punto di svolta nella definizione e nell’applicazione del concetto di insubordinazione nel diritto del lavoro italiano. Essa sottolinea l’importanza del vincolo fiduciario e stabilisce criteri più ampi per la valutazione della condotta dei dipendenti. Questa decisione avrà probabilmente un impatto significativo sulla gestione delle risorse umane e sulla disciplina aziendale, rafforzando il ruolo dei datori di lavoro nel mantenimento dell’ordine e dell’efficienza operativa.

Articoli recenti

Attività professionali: adeguato il Fondo di solidarietà

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 159 del 9 luglio 2024, il decreto 21 maggio 2024 del Ministero del Lavoro, emanato di concerto con il Ministero dell’Economia, concernente l’adeguamento del Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali....

Incremento della Contribuzione al FAST e al QUAS nel Settore Turistico

A partire da luglio 2024, importanti novità riguardano la contribuzione ai fondi di assistenza sanitaria FAST e QUAS nel settore alberghiero e dei campeggi. Tali cambiamenti sono stati definiti nel nuovo accordo contrattuale, siglato il 5 luglio 2024, che coinvolge...

Dal 2 agosto l’esonero contributivo per chi posticipa Quota 103

L’INPS, con il messaggio n. 2506 del 4 luglio 2024, facendo seguito alla circolare 39/2024, ha ricordato che coloro che maturano i requisiti per la pensione anticipata flessibile nel 2024 (c.d. Quota 103) e decidono di proseguire l’attività subordinata, possono fruire...

Convertito in legge il decreto "Coesione"

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 157 del 6 luglio 2024 è stata pubblicata la Legge n. 95 del 4 luglio 2024, che converte con modificazioni il Decreto Legge n. 60/2024, intitolato “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione”, noto come Decreto...

Niente maxisanzione se non si comunica il tirocinio

L’INL, con la nota n. 1156 del 26 giugno 2024, ha aggiornato il vademecum sull’applicazione della maxisanzione per lavoro nero (allegato alla Nota n. 1552/2022), tenendo conto delle indicazioni ministeriali (Nota prot. n. 6035/2024) e dei recenti orientamenti...

Altre FAQ sul rapporto parità uomo donna 2024

Il Ministero del lavoro, nella sezione URP ON LINE, ha integrato nelle giornate del 3 e 4 luglio, le FAQ sul rapporto biennale parità uomo donna, tenuto conto anche del differimento del termine di presentazione dal 15 luglio al 20 settembre p.v. La FAQ più recente...

Le mascherine non sono più obbligatorie negli ospedali e nelle RSA

Il Ministero della salute, con la circolare prot. n. 19544 del 1° luglio 2024, ha reso noto che spetta ai direttori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese quelle di ospitalità e lungodegenza, valutare se debba continuare l’utilizzo...

Da settembre non si accede più ai servizi INPS con il PIN

L’INPS, con la circolare n. 77 del 2 luglio 2024, ha reso noto che a partire dal 1° settembre 2024 le aziende e i loro intermediari (Consulenti del lavoro, commercialisti, avvocati ecc.) potranno accedere ai servizi INPS on line soltanto con SPID, CIE 3.0 o CNS....