Nuovo aggiornamento del Manuale sul rapporto parità uomo donna

Giu 28, 2024 | News

fonte articolo: www.zhrexpert.it

Il Ministero del lavoro ha pubblicato la versione 2.1 del 20 giugno 2024 del Manuale utente relativo alla compilazione del rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile, che prevede nuovamente il campo PEC nella sezione 1, allienandosi così al modello allegato al DM 3/06/2024.

Viene precisato che ai fini della compilazione del rapporto biennale devono essere indicate come sedi, dipendenze o unità produttive tutte le strutture aziendali dislocate sul territorio. Quindi non trova applicazione la definizione ristretta contenuta nella circolare INPS n. 197 del 2 dicembre 2015.

Per chi si vuole avvalere del file excel per la compilazione del rapporto, il Manuale precisa che si dovrà prima scaricare il modello Excel disponibile nell’area dedicata alla Gestione dei Rapporti Periodici, cliccando sul tasto “Download del file Excel”.

A tal proposito viene evidenziato che prima di iniziare la compilazione del modello Excel è necessario assicurarsi di aver effettuato il download dell’ultima versione disponibile.

Oltre a dette modalità, viene ricordato che da quest’anno è possibile anche richiamare il Rapporto periodico compilato nel biennio precedente, aggiornandone i dati con le informazioni relative al nuovo biennio.

Il Manuale evidenzia che nella Sezione 1.2 – “Anagrafica delle unità produttive” va riportato il numero delle sedi, dipendenze o unità produttive in cui si articola l’azienda, a prescindere dal numero di dipendenti impiegati presso le stesse. Il dettaglio degli occupati, invece, dovrà essere fornito (nella successiva sezione 3) solo per quelle presso le quali siano impiegati più di 50 dipendenti.

Sempre in questa sezione, tutte le celle corrispondenti al II biennio, ad eccezione di quelle relative a “TOTALE” (M+F, F), sono editabili per permettere di riportare al 31/12/2023 una distribuzione dei dipendenti che tenga conto di eventuali passaggi di categoria (il cui dettaglio deve essere indicato nella tabella 2.4). Per le sole colonne “TOTALE” (M+F, F), compilate automaticamente, il sistema verifica che siano soddisfatte le seguenti condizioni:

− Totale (M+F) II biennio = Totale (M+F) I biennio + Assunzioni (M+F) – Cessazioni (M+F)

− Totale (F) II biennio = Totale (F) I biennio + Assunzioni (F) – Cessazioni (F)

Riguardo all’indicazione degli eventuali passaggi di categoria nel computo degli occupati della tabella 2.1, il Manuale riporta il seguente esempio: al 31/12/2022 l’azienda ha 10 impiegati e 12 quadri e durante l’anno 2023 un impiegato ha assunto la nuova categoria Quadro, nella riga corrispondente agli occupati al 31/12/2023 sarà possibile indicare 13 quadri e 9 impiegati (indipendentemente dai valori inseriti nelle righe assunzioni e cessazioni). Il dettaglio dei passaggi di categoria dovrà essere imputato nella tabella 2.4 riga “promossi a categoria superiore”. Nel caso specifico dovrà essere indicato il valore 1 in corrispondenza della categoria quadri.

Inoltre, viene riportato nel Manuale utente quanto già reso noto dal Ministero del lavoro nelle FAQ sull’argomento, ossia che nella Tabella 2.3, nel rigo “Ore lavorate da tutti gli occupati al 31/12/2023” vanno escluse le ore lavorate dai lavoratori in somministrazione.

In merito ai lavoratori con accordo di lavoro agile di cui alla legge 81/2017 (art. 18 e ss.) attivi al 31/12/2023, il Ministero del lavoro precisa che vanno indicati a prescindere dal fatto che in tale data abbiano prestato lavoro in modalità agile.

Infine, riguardo al Monte retributivo lordo, alle voci retributive già previste, vengono aggiunti anche i premi di risultato, gli MBO e LTI e il valore imponibile relativo ai fringe benefit che concorre alla formazione dell’imponibile fiscale e previdenziale.

Invece, nel monte retributivo lordo non va conteggiato, tra gli altri importi già previsti in precedenza, il TFR.

Articoli recenti

Attività professionali: adeguato il Fondo di solidarietà

È stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 159 del 9 luglio 2024, il decreto 21 maggio 2024 del Ministero del Lavoro, emanato di concerto con il Ministero dell’Economia, concernente l’adeguamento del Fondo di solidarietà bilaterale per le attività professionali....

Incremento della Contribuzione al FAST e al QUAS nel Settore Turistico

A partire da luglio 2024, importanti novità riguardano la contribuzione ai fondi di assistenza sanitaria FAST e QUAS nel settore alberghiero e dei campeggi. Tali cambiamenti sono stati definiti nel nuovo accordo contrattuale, siglato il 5 luglio 2024, che coinvolge...

Dal 2 agosto l’esonero contributivo per chi posticipa Quota 103

L’INPS, con il messaggio n. 2506 del 4 luglio 2024, facendo seguito alla circolare 39/2024, ha ricordato che coloro che maturano i requisiti per la pensione anticipata flessibile nel 2024 (c.d. Quota 103) e decidono di proseguire l’attività subordinata, possono fruire...

Cassazione: licenziabile il lavoratore che fa ostruzionismo

L'ordinanza della Cassazione n. 18296 del 2024 stabilisce un precedente significativo in merito alla comprensione e all'applicazione del concetto di insubordinazione nel diritto del lavoro. La decisione affronta il caso di un dipendente di una società partecipata,...

Convertito in legge il decreto "Coesione"

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 157 del 6 luglio 2024 è stata pubblicata la Legge n. 95 del 4 luglio 2024, che converte con modificazioni il Decreto Legge n. 60/2024, intitolato “Ulteriori disposizioni urgenti in materia di politiche di coesione”, noto come Decreto...

Niente maxisanzione se non si comunica il tirocinio

L’INL, con la nota n. 1156 del 26 giugno 2024, ha aggiornato il vademecum sull’applicazione della maxisanzione per lavoro nero (allegato alla Nota n. 1552/2022), tenendo conto delle indicazioni ministeriali (Nota prot. n. 6035/2024) e dei recenti orientamenti...

Altre FAQ sul rapporto parità uomo donna 2024

Il Ministero del lavoro, nella sezione URP ON LINE, ha integrato nelle giornate del 3 e 4 luglio, le FAQ sul rapporto biennale parità uomo donna, tenuto conto anche del differimento del termine di presentazione dal 15 luglio al 20 settembre p.v. La FAQ più recente...

Da settembre non si accede più ai servizi INPS con il PIN

L’INPS, con la circolare n. 77 del 2 luglio 2024, ha reso noto che a partire dal 1° settembre 2024 le aziende e i loro intermediari (Consulenti del lavoro, commercialisti, avvocati ecc.) potranno accedere ai servizi INPS on line soltanto con SPID, CIE 3.0 o CNS....